L’arco dell’imperatore Costantino

L’Arco di Costantino è interessante perché ha tanta storia dietro. La madre e la sorella dell’imperatore Costantino erano cristiani. Prima di impegnare Maxentius nella battaglia del ponte Milvian, apparentemente aveva una visione di una croce nel cielo. Dopo aver vinto una battaglia decisiva contro il suo rivale, è diventato imperatore unico e attribuito il suo successo a Dio. La sua prossima mossa era legalizzare il cristianesimo. Nel 312 dC, la religione statale di tutto il mondo occidentale è stata proclamata come cristianesimo.

L’arco di Costantino fu commissionato nel 312 dC e completato nel 315 dC. Lo scopo era quello di commemorare la vittoria di Costantino su Maxentius in occasione della battaglia del ponte milviano il 28 ottobre 312. L’arco è stato costruito rapidamente e si pensa che gran parte dell’opera Fu tolto dagli antichi palazzi di Roma. L’arco ha mostrato la gloria dei trionfi di Costantino in battaglia e nello svolgimento dei suoi doveri civici. Anche presenti nell’arco sono tributi ad altri imperatori, tra cui Traiano, Adriano e Marco Aurelio. Associandosi con questi altri “buoni” imperatori, si è assicurato un posto positivo nella storia.

L’Arco in sé è alto circa 65 piedi e largo 75 piedi. La profondità dell’arco è di circa 22 piedi. C’è una zona attico nella parte superiore della struttura ed è accessibile da una porta sul lato dell’arco. L’arco è stato costruito in blocchi di marmo a base e mattoni nella parte superiore della mansarda. I mattoni erano coperti da marmo per completare il monumento. La cosa affascinante dell’arco di Costantino è che c’è tanta controversia su come è stata costruita (con pezzi di vari antichi edifici presi dal Foro Romano) e quanti diversi imperatori sono rappresentati.
Sono rimasto impressionato dalla dimensione dell’arco e da come si è mantenuta in tanti anni. L’Arco ha ancora alcuni dettagli sorprendenti.
Italia, Roma, Arco di Costantino

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *